Paolo Ceccacci

Ricominciare da zero virgola cinque

Le menzogne su HIV e AIDS

Da quando, nel 2009, è uscito il film House of Numbers di Brent Leung il negazionismo dell’Aids, ad oggi, ha raggiunto dimensioni preoccupanti.

È mia intenzione tralasciare eventuali aspetti politici della vicenda, vista la scarsa (se non nulla) rilevanza dell’opinione di chi non ha alcuna competenza in medicina o in biologia, ma mi limito a sottolineare che anche in Italia abbiamo esponenti spesso tendenti al negazionismo più estremo che rappresentano una parte di popolazione tesa a credere a questa e ad altre teorie del complotto.

Sebbene vi siano diversi tipi di negazionismi dell’AIDS il più diffuso è senz’altro quello che afferma che l’AIDS esista, ma non è causato dall’HIV.
Peter Duesberg, professore di citologia e biologia molecolare all’Università della California, è uno degli assertori più “illustri” dell’ipotesi alternativa secondo cui la Sindrome da Immunodeficienza Acquisita (AIDS) non sarebbe causata da un virus.

Non si vuole, qui, dimostrare l’infondatezza delle ipotesi negazioniste e per questo si rimanda all’esistente ed esauriente letteratura medica e alla “Dichiarazione di Durban” (pubblicata nel 2000 e sottoscritta da oltre 5.000 medici tra i quali 11 premi Nobel).

Si vuole, invece, porre l’accento sulla pericolosità della circolazione di tali gravissime idee.
Credo che nella giornata mondiale contro l’AIDS sia importante sapere che i nemici da combattere, ormai, non siano solo il virus dell’HIV e la disinformazione riguardo ai metodi di contagio e prevenzione: l’informazione non corretta può portare alle stesse drammatiche conseguenze della mancanza totale di informazione. Peggio ancora, può far proseliti che, a loro volta, si oppongono alla corretta informazione fino a veri tentativi di sabotaggio come è stato per la pagina Facebook di HIV causa AIDS : Corretta Informazione chiusa a causa delle continue segnalazioni o come nel caso del video di Myles Power, che smontava punto per punto le ipotesi presentate in House of Numbers, segnalato dai produttori del film stesso per violazione del copyright.

C’è bisogno, certamente, del consenso a favore della corretta informazione e del coinvolgimento di quante più persone possibili nel circuito comunicativo e divulgativo, ma è altrettanto importante e urgente combattere l’informazione non corretta e questi tentativi di sabotaggio con ogni sforzo possibile.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: